Ipsia, dai Metallurgi 3500 euro per il laboratorio saldatura. Prosino ai ragazzi: siate ambiziosi e sappiate osare

Data:

domenica, 09 febbraio 2020

Argomenti
Notizia
gruppo small.jpg

Ipsia Magni, il laboratorio di saldatura si fa più vicino grazie all’assegno dell’Associazione Metallurgi.

Venerdì mattina, 7 febbraio, il priore 2019 Pietro Prosino ha ufficialmente consegnato all’istituto professionale di Borgosesia il contributo di 3.500 euro raccolto tra le aziende del sodalizio nel corso del suo anno di mandato. Il sostegno alla formazione tecnico-professionale è stato, infatti, tra gli impegni che l’imprenditore di Grignasco si è assunto durante l’incarico; in concreto, oltre alla raccolta fondi per finanziare il laboratorio di saldatura, oggi assente all’Ipsia, è stato realizzato anche un video promozionale per orientare studenti e famiglie verso la scelta di una scuola professionale. Una visione lungimirante, quella di Prosino, che ha preso le mosse dal bisogno crescente nel territorio di Valsesia e Cusio di operai qualificati, così difficili da trovare da costringere ad assumere personale senza una preparazione di base dovendo poi formarlo direttamente in azienda. Investire nella promozione di quelle scuole che diplomano studenti che alle spalle hanno anni di laboratorio e centinaia di ore di stage già effettuati è sembrata dunque una possibile risposta ai bisogni delle imprese.

 

Questa collaborazione tra scuola e mondo del lavoro per l’istituto Lancia si sta facendo negli ultimi due, tre anni sempre più proficua ed estesa a varie realtà, dalle singole aziende che donano macchinari e strumenti alle associazioni di categoria che sostengono a vario titolo progetti e iniziative. “E’ grazie a queste sinergie – ha detto il dirigente, Carmelo Profetto – che la nostra scuola riesce a stare al passo e garantire una formazione sempre più completa. Purtroppo i contributi statali, anche a causa del calo demografico, non sono alti. Avere aziende che investono sulla scuola è una cosa meravigliosa e, va detto, che non succede così di frequente. Sono scelte lungimiranti di un tessuto imprenditoriale che ha maturato un’etica e una morale che portano a questo. Ringraziamo l’associazione Metallurgi perché oggi il profilo del saldatore con patentino è ricercatissimo e grazie a questo laboratorio i nostri studenti avranno una competenza in più da spendere nel mondo del lavoro”.

 

Ha poi preso la parola Pietro Prosino, che oltre a ribadire il forte bisogno delle aziende di operai specializzati nel campo della meccanica e meccatronica, ha voluto lasciare agli studenti presenti alcune riflessioni. Cinque punti, cinque consigli, sui quali ha detto “avrei voluto poter pensare quando avevo la vostra età”: “Per primo: quando guardate a voi stessi, immaginatevi sempre tra 5, 10 anni; solo la visione di dove vogliamo arrivare ci aiuta a fare le scelte giuste nel presente. Secondo: se avete ambizioni, fate sentire le vostre idee e le vostre opinioni; credetemi che i titolari d’azienda apprezzano molto l’iniziativa personale. Terzo: tante persone vi diranno: vola basso e stai al tuo posto; io vi dico: no, ignorateli. Se avete ambizioni, sappiate osare. Quarto: lavorate duramente e continuate ad apprendere; solo mantenendo alto il livello del vostro apprendimento, la vostra vita migliorerà. Cinque e ultimo: dopo aver imparato e aver raccolto, restituite in parte quello che sapete aiutando chi è alle prime armi. Certamente, per concludere, se volete trovare un lavoro e fare carriera dopo il diploma, siete nella scuola giusta”.

Presenti alla cerimonia di consegna anche Maura Zanfa e Giampiero Paracchini, ex priori dell’associazione Metallurgi, e Barbara Togno, presidente del Rotary club Gattinara che con la Enrico De Bernardi Impianti Elettrici e la Prosino srl ha contribuito alla realizzazione dl video promozionale.

Il video è visionabile su Youtube https://www.youtube.com/watch?v=lNpSd71lYtg oppure sui profili FB e Instagram dell’Istituto Lancia.

Questo sito utilizza cookie tecnici.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie